Confermati 2 miliardi e 750 milioni per la Ricostruzione in Abruzzo

Le previsioni annunciate nell’incontro di ottobre 2020 tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il Capo Dipartimento Casa Italia Fabrizio Curcio e i rappresentanti degli enti locali abruzzesi, si sono avverate nell’ultima legge di bilancio entrata in vigore con l’inizio del nuovo anno.
Ammonta infatti a 2 miliardi e 750 milioni di Euro lo stanziamento destinato alle attività connesse con la ricostruzione nel territorio del cratere del sisma 2009. Diverse altre ingenti risorse sono state destinate anche alle altre ricostruzioni, in particolare nel centro Italia.
Lo stanziamento, che ha avuto una genesi condivisa in tutti i suoi passaggi con i rappresentanti di tutti gli enti locali abruzzesi, con la Struttura di missione Sisma 2009, il Dipartimento Casa Italia della Presidenza del Consiglio e con gli Uffici speciali per la ricostruzione per poi essere confermato in sede parlamentare, è destinato a rafforzare le azioni e gli investimenti in diversi aspetti della ricostruzione, dai lavori per gli edifici destinato ad uso privato fino alla ricostruzione pubblica e alle specifiche azioni di stimolo allo sviluppo delle aree interne e delle aree urbane abruzzesi.
Comincia ora un importante lavoro di assegnazione delle risorse attraverso piani e progetti condivisi con gli enti locali.