Restart. Il Comitato di indirizzo fa il punto su progetti e fondi disponibili

Si è svolta oggi la riunione del Comitato di indirizzo del Programma di sviluppo Restart presieduta dal Capo Dipartimento Casa Italia Fabrizio Curcio, nella sua veste di Responsabile della Struttura di missione Sisma 2009 della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il Comitato di indirizzo è coordinato dalla Struttura Sisma 2009 e composto dalle istituzioni locali a partire dalla Regione Abruzzo. Alla riunione di oggi erano presenti tra gli altri il Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, l’assessore con delega tra le altre alla Programmazione Restart Guido Liris, il capo della Segreteria tecnica del Comune de L’Aquila Daniele Placidi, il rappresentante dei Comuni del Cratere Lanfranco Chiola e i titolari degli uffici speciali per la ricostruzione de L’Aquila e dei Comuni del cratere Salvatore Provenzano e Claudia Genitti.

Compito principale del Comitato è individuare i progetti a favore dello sviluppo nella regione che, dopo aver superato l’istruttoria disposta dalla Struttura di missione, vengono presentati al Comitato interministeriale di programmazione economica (CIPE) che è chiamato ad approvare il finanziamento per la progettazione e realizzazione dei progetti stessi.

La riunione odierna è stata l’occasione per fare il punto sul Programma Restart a cui sono destinate risorse che ammontano complessivamente a 319,7 milioni di euro. Nell’ambito del programma sono annoverate azioni che mirano al sostegno del sistema imprenditoriale, al rilancio del turismo, all’attivazione di progetti di ricerca industriale e in generale al rilancio dell’economia locale. La disponibilità di fondi ad oggi, dopo 5 anni, è di circa 66 milioni di euro, oltre agli eventuali fondi che potranno scaturire dallo stanziamento dell’ultima legge di bilancio.

Nella seduta di oggi si è poi deliberato in merito alle richieste pervenute di assegnazione di risorse per nuove annualità su progetti già approvati, come il progetto “Ex Emerge” dell’Università de L’Aquila, già in parte finanziato nelle scorse annualità, che prevede la promozione di conoscenze scientifiche avanzate che riguardano l’equipaggiamento tecnologico dei veicoli del futuro e ’implementazione della mobilità elettrica da parte del Comune de L’Aquila.

Nelle prossime settimane continuerà il lavoro di istruttoria su nuovi progetti per la crescita dello sviluppo nel cratere abruzzese, di cui daremo tempestiva comunicazione.