Infrastrutturazione di una rete ottica metropolitana a banda ultralarga e per le attività di ricerca nell’ambito delle reti ottiche, dell’edilizia e del restauro, delle tecniche di recupero edilizio

Descrizione dell'intervento

Il progetto INCIPICT (acronimo di INovating CIty Planning through Information and Communication Technologies) si pone l’obiettivo di realizzare componenti essenziali e abilitanti per lo sviluppo urbano innovativo e per il supporto alle attività di ricerca, nel pieno rispetto delle competenze scientifiche dell’Ateneo aquilano e delle vocazioni proprie della città.
Alla base del progetto INCIPICT c’è la realizzazione di una rete metropolitana consistente in un anello in fibra ottica dedicato alla Pubblica Amministrazione, alle Scuole e all’Università. Attraverso questa infrastruttura sarà possibile fornire ai cittadini (comprendendo in questa categoria anche gli studenti fuori sede dell’Università) servizi innovativi nonché rendere più efficienti le amministrazioni coinvolte.
Il progetto fa leva sulle competenze scientifiche e la rete di relazioni dell’Università, e prevede di sviluppare attività di ricerca e sperimentazione relative alle tecnologie innovative nelle reti ottiche e radio e nei servizi avanzati che su tali reti è possibile offrire. Lo sviluppo di tali componenti innovative è alla base dei concetti di Smart City e Internet delle Cose (IoT – Internet of Things) e, una volta messe in campo le attività sperimentali previste, si disporrà di un contesto urbano assimilabile a un laboratorio attraverso il quale indirizzare lo sviluppo innovativo della città e richiamare l’attenzione della comunità scientifica nazionale e internazionale.
Particolare attenzione viene rivolta a tre applicazioni di riferimento per il progetto e ritenute particolarmente significative per la città. Si tratta dei seguenti ambiti: monitoraggio strutturale degli edifici, effettuato mediante reti di sensori wireless e finalizzato all’individuazione di vulnerabilità strutturali; gestione degli edifici orientata all’efficienza energetica basata sull’analisi dei dati di impianto e ambientali; valorizzazione dei beni culturali attraverso le tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni con l’obiettivo di arricchire l’esperienza turistica.
Le iniziative a supporto della ricerca coinvolte nel progetto sono molteplici.
Nell’ambito delle trasmissioni ottiche vengono svolte attività basate sullo sviluppo di modelli per dispositivi ottici a semiconduttore, sulla multiplazione spaziale e sulla rivelazione diretta.

Nell'ambito dello studio sulle reti ottiche sono state prodotte alcune linee guida generali relative all’implementazione di soluzioni e specifiche linee di indirizzo per la città dell’Aquila dove l’interesse per una ricostruzione e rivitalizzazione del contesto socio economico in chiave innovativa motivano l’attenzione per soluzioni allo stato dell’arte, quali quelle che verranno impiegate nell’anello metropolitano di INCIPICT.
All’interno del progetto INCIPICT si stanno valutando possibili soluzioni che permettano una maggiore e pervasiva diffusione dei sistemi di comunicazione wireless a corto-medio raggio, ponendo particolare attenzione alla riduzione dei consumi associati ai sistemi IoT, anche al fine di consentirne un'elevata autonomia nel caso in cui non vi fosse la possibilità di accedere alla rete elettrica.
E' inoltre promossa la produzione di un ambiente di elaborazione distribuito che sarà popolato da un alto numero di servizi software orientati alla smart city, che tende a superare la cosiddetta tecnica dell’orchestrazione con un’altra tecnica di composizione di servizi, decisamente più dinamica, adattabile allo specifico contesto operativo.
Infine il progetto sta lavorando sulle tematiche dello smart building e dello smart energy.
Accanto all’efficientamento energetico, un ulteriore obiettivo è quello di implementare una rete di sensori wireless per rendere il sistema resiliente ad eventi catastrofici: da questo punto di vista, il progetto ha in programma lo sfruttamento di algoritmi di rilevamento delle persone al fine di creare una mappa della distribuzione degli occupanti all’interno dell’edificio, con il duplice obiettivo di migliorare le prestazioni degli algoritmi di efficientamento energetico e di sviluppare nuovi algoritmi per migliorare la sicurezza delle persone durante e dopo eventi catastrofici, come ad esempio terremoti.
Infine in uno sterminato patrimonio culturale quale è quello aquilano, il processo di ricostruzione non può prescindere dalla valorizzazione di quest’ultimo. L’idea progettuale riguarda la realizzazione di servizi per la tutela, la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale locale e di politiche innovative integrate di supporto al turismo.



Amministrazione responsabile

Università dell'Aquila

Luogo

Cratere aquilano

Priorita'

Agenda digitale

Soggetto attuatore

n.d.

Codice Unico Progetto - CUP

n.d.

R.U.P.

n.d.

Data inizio

n.d.

Data fine

n.d.

Avanzamento finanziario

Costo del progetto

€ 5.000.000,00

Risorse assegnate

€ 5.000.000,00

Trasferito

€ 5.000.000,00

Speso

€ 968.502,00

Photogallery

Foto non disponibili

Videogallery

Documentazione

Sito del progetto
Video di presentazione